Fattorie della vita

 

Per te, le nostre zattere di salvataggio
Voi che leggete questo per la prima volta, dovete davvero ascoltare, altrimenti anche voi cadrete nel buco.
Stiamo reclutando
Stiamo reclutando attivatori. Queste sono le persone, donne o uomini, che si occupano della creazione della comunità e della fattoria. {Youtube}
L'autonomie
L'autonomie pour la future civilisation consiste en deux choses : Se passer de tout ce que la civilisation actuelle produit Produire ce dont les
L'autonomie
L'autonomie pour la future civilisation consiste en deux choses : Se passer de tout ce que la civilisation actuelle produit Produire ce dont les
elasticità
La resilienza è la qualità che definisce la capacità di un sistema di resistere agli attacchi. Per le fattorie della vita, la resilienza dovrà
politica
Il nostro rapporto con la civiltà attuale. Organizzazione agricola dopo il crollo
La comunità
Costruire una comunità in una nuova civiltà ... Abbandonato tutto ciò che ha marcito le nostre vite, ma ha anche prodotto tutto ciò che è
I motivi
La ricerca della terra è un'azione che richiede una comunità unita e volontaria. Questa è la prima grande difficoltà che deve essere superata.

osservare e interagire

"La bellezza è negli occhi di chi guarda"

Il buon design si basa su una relazione libera e armoniosa tra la natura e le persone, in cui un'attenta osservazione e interazione forniscono ispirazione, il repertorio di soluzioni e schemi geometrici. Non è qualcosa che può essere sviluppato in isolamento. Al contrario, è il risultato di un'interazione continua e reciproca con il soggetto.

La permacultura sfrutta queste condizioni per evolvere consapevolmente e continuamente sistemi e habitat agrari in grado di soddisfare i bisogni delle persone in tutta l'energia in discesa.

Per le popolazioni di cacciatori-raccoglitori e società agrarie con bassa densità di popolazione, la natura provvide a tutti i bisogni materiali, l'attività umana era principalmente dedicata alla raccolta. Nelle società preindustriali più densamente popolate, la produttività agricola dipendeva da grandi e continui apporti di lavoro umano.

Per quanto riguarda la società industriale, richiede grandi e continui input di energia fossile per produrre cibo e altri beni e servizi. I progettisti di permacultura si basano principalmente su un'osservazione attenta e sull'interazione per un uso più efficace delle capacità umane e per ridurre la dipendenza dall'energia non rinnovabile e dall'alta tecnologia.

Nelle comunità agricole più conservatrici e socialmente connesse, la capacità di alcuni individui di fare un passo indietro, osservare e interpretare sia i metodi tradizionali che moderni di uso del suolo è un forte punto di forza per lo sviluppo di sistemi nuovi e più appropriati. . Un cambiamento radicale in una comunità è sempre più difficile per molte ragioni, in modo che i modelli sviluppati

A livello locale e utilizzando alcuni dei migliori metodi di progettazione ecologica, sia essa tradizionale o moderna, ha maggiori probabilità di successo rispetto a un sistema precostituito imposto dall'esterno. Inoltre, la diversità di questi modelli locali fornirà naturalmente elementi innovativi per la fertilizzazione incrociata di innovazioni simili in altri luoghi.

Questo principio mira essenzialmente a facilitare l'emergere di un modo di pensare a lungo termine, indipendente e persino eretico, che è essenziale per progettare nuove soluzioni, piuttosto che incoraggiare l'adozione e la replica di soluzioni comprovate. In passato, era l'ambiente accademico e urbano della società benestante a tollerare, anche incoraggiato, questo modo di pensare, mentre le culture agrarie tradizionali lo respingevano ferocemente. Le fasi finali del caos della società del benessere post-moderna, sistemi di conoscenza di dominio sono meno evidenti, in modo che il pensiero indipendente e più sistemico è più probabile che si diffonda ampiamente a tutti i livelli della gerarchia sociale e geografico . In tale contesto, etichette e comportamenti non possono essere considerati come segni di competenza e valore nella valutazione di potenziali soluzioni progettuali. Ecco perché, a qualsiasi livello, abbiamo bisogno di affidarci sempre di più alla nostra capacità di osservare e interagire in modo sensibile per trovare la via migliore.