Fattorie della vita

 

Per te, le nostre zattere di salvataggio
Voi che leggete questo per la prima volta, dovete davvero ascoltare, altrimenti anche voi cadrete nel buco.
Stiamo reclutando
Stiamo reclutando attivatori. Queste sono le persone, donne o uomini, che si occupano della creazione della comunità e della fattoria. {Youtube}
L'autonomie
L'autonomie pour la future civilisation consiste en deux choses : Se passer de tout ce que la civilisation actuelle produit Produire ce dont les
L'autonomie
L'autonomie pour la future civilisation consiste en deux choses : Se passer de tout ce que la civilisation actuelle produit Produire ce dont les
elasticità
La resilienza è la qualità che definisce la capacità di un sistema di resistere agli attacchi. Per le fattorie della vita, la resilienza dovrà
politica
Il nostro rapporto con la civiltà attuale. Organizzazione agricola dopo il crollo
La comunità
Costruire una comunità in una nuova civiltà ... Abbandonato tutto ciò che ha marcito le nostre vite, ma ha anche prodotto tutto ciò che è
I motivi
La ricerca della terra è un'azione che richiede una comunità unita e volontaria. Questa è la prima grande difficoltà che deve essere superata.

Più grave della crisi del 1929!
· Come salvare la tua pelle?
· Come salvargli la vita?
· Come salvare le vite dei più deboli, soprattutto dei bambini?
· Come dare un futuro ai bambini e incidentalmente agli adulti che li accompagnano?
In questi articoli, quelli passati e quelli che arriveranno a giorni alterni da ora in poi, cercherò di spiegartelo.

Se ti sforzi di leggerli, non è affatto sicuro di comprenderli appieno, perché, presi singolarmente, non hanno molto senso.
Se hai letto abbastanza, e ci hai pensato, inizierai a vedere il percorso che ci vuole per arrivare a "come dare un futuro ai bambini ...".
Puoi essere sicuro di ricevere questi testi via e-mail e molte altre informazioni registrandoti sul sito www.lesfermesdelavie.fr
È sufficiente un indirizzo e-mail.
Menu: "Newsletter", "Iscriviti alla nostra newsletter". Ovviamente è gratuito e non ti impegna in nulla.
Il problema è che quando avrò spiegato le cose essenziali, capirai, ma sarà molto tardi per farlo.
In effetti, da ottobre 2020, assisteremo al disastro. Gli economisti hanno previsto una crisi peggiore di quella del 1929. -Appendice 1-
Quindi temo che le cose che sono molto facili da fare ora saranno quasi impossibili da fare nel caos intorno.
Quelli che hanno fame non vogliono costruire quello che darà loro da mangiare domani, vogliono mangiare adesso. E il livello di pensiero che già non è brillante ora raggiungerà una profondità insondabile.
Uno dei miei sogni era quello di garantire che le curve fornite dalle simulazioni del MIT nel 1972, nell'ambito del club di Roma, espresse in un libro di Donella e Denis MAEDOWS e che mostrassero un calo demografico di quasi Il 90% dal 2020 può essere evocato e che l'intelligenza degli uomini, il senso della vita, permetterebbe loro di reagire.
Sfortunatamente, la nostra civiltà è riuscita ad autodistruggersi - vedi appendice 2-. Sono completamente insensibile alle tesi del complotto. Penso che non ci sia bisogno di un complotto di alcuna autorità stravagante, lascia andare questa civiltà. Non ha più intelligenza generale dei vermi della farina. Il che mostra come i nostri leader, i nostri leader siano accecati o idioti. È importante non dire "bestia" perché gli animali sono molto più sensibili e intelligenti di queste persone. Lo so, non bisogna generalizzare, mi ha ricordato recentemente un amico, i personaggi pubblici esprimono paure, ma non hanno molto più potere di me, anche quando beviamo una birra con Pablo SERVIGNE.
Dopo il grande sconvolgimento, si deve riconoscere che, a parte piccoli gruppi di sopravvissuti molto deboli in un ambiente così ostile, sarà molto tardi per costruire una nuova civiltà che offra un futuro confortevole a coloro che sono sopravvissuti.
Ma abbiamo speranza nei nostri cuori e cercare di salvare un pezzo di umanità è il nostro destino.
Quindi, continueremo ad arare cuori e cervelli per cercare di accendere scintille di ragione, coraggio, azione.
Costruire un futuro non è quello che fanno molti, sicuramente per sensibilizzare, giardini più o meno ecologici, o addirittura ecovillaggi. È un inizio, ovviamente. Né si tratta di costruire strutture con uno spiccato senso della comunicazione ma pochissimo bagaglio e consapevolezza dei problemi. Siamo a loro disposizione per fornire loro, gratuitamente, su base volontaria, tutta la conoscenza di cui hanno bisogno per evitare di condurre persone troppo credulone in drammatici vicoli ciechi.
Costruire un futuro significa prima di tutto abbracciare ciò che fa un essere umano in tutti questi aspetti, e portargli ciò che gli permette di costruire questa formidabile fortezza di conoscenza, intelligenza, sensibilità, cuore e capacità di azione. E l'intelligenza non riguarda l'allineamento dei gradi o dei titoli, ma l'essere in sintonia con l'ambiente e gli eventi.Tutti pensano al cibo, alla costruzione di giardini, all'organizzazione nella civiltà di oggi. Ma per vivere domani, non dobbiamo fare affidamento su questa civiltà, dobbiamo solo usarla per costruire ciò che è necessario per domani, nell'ambiente di domani, quando il nostro universo sarà completamente diverso. E soprattutto, non dobbiamo indebolire questa civiltà, perché può schioccare le dita da un giorno all'altro.
Dobbiamo pensare dalle condizioni che si creeranno quando non esisterà più niente di questa civiltà, che ci avrà lasciato molti rifiuti altamente tossici, molto pericolosi, che il clima sarà profondamente cambiato e sarà diventato molto aggressivo, solo gli esseri umani sarà alla ricerca anche del più piccolo boccone di cibo e che la vita per queste persone varrà solo ciò che possono ottenere dalle cose essenziali o dal piacere.
E la prima cosa da cambiare è il comportamento degli umani. Non sarà fatto schioccando le dita. Dovremo perdere riflessi, abitudini, modi di pensare e dovremo impararne di nuovi come l'altruismo, la cura degli altri, l'autonomia, la gioia.
Riteniamo che siano necessari almeno quattro anni per imparare tutto questo. E questo viene fatto semplicemente collaborando con i membri della sua comunità e lavorando per costruire la sua fattoria.
Non siamo così pretenziosi da pensare di avere la verità e tutta la conoscenza di cui abbiamo bisogno. Al contrario, siamo estremamente spaventati di indurre le persone a dire loro errori.
Siamo sicuri di aver fatto le scelte imposte da un'organizzazione umana in un ambiente incerto ma molto aggressivo, al servizio di questi umani.
E possiamo giustificare tutte le nostre scelte: ad esempio una comunità di cinquecento persone, un appezzamento di un ettaro, quattro anni di maturazione, il trasporto della conoscenza alla futura civiltà, due infermieri per azienda, ecc.
La fattoria è costruita dalle prime direttive che insegniamo ai volontari e poi costruita dal lavoro di tutti, e il numero dei problemi è di centinaia di migliaia.
La prossima volta discuteremo dell'organizzazione del progetto di costruzione dell'azienda agricola.
Didier LAINARD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Allegato 1: https://www.economie.gouv.fr/facileco/crise-1929-et-grande-depression
Non sono io a dirlo, è il governo. Perché, secondo me, questa crisi sarà più grave di quella del 1929, perché a quel tempo la Francia e gli altri paesi europei erano essenzialmente agricoli e le aziende agricole producevano cibo, non materia prima per l'industria agroalimentare. Oggi non è più possibile trovare cibo nelle nostre campagne se non per pochi rarissimi frutti di stagione. Perché la terra e l'acqua vengono distrutte. Se l'agricoltore non spruzza fertilizzante, il terreno è sterile. E ci vogliono anni per essere di nuovo generosa.

Allegato 2: Non possiamo paragonarci ai collapsologi. La nostra ragion d'essere è abbastanza diversa. Non cerchiamo di precisare le ragioni che portano al collasso della nostra civiltà. Abbiamo capito che questo cataclisma è inevitabile. Non vogliamo conoscere il probabile momento della sua realizzazione. Ciò che vogliamo è consentire alle persone consapevoli e pacifiche di prepararsi. Ha quattro anni per essere pronto. Non dimenticarlo mai. Non è affatto certo che questa civiltà ci darà tre anni di tregua.